Come Fare la Voltura o il Subentro Enel

In caso di acquisto di un immobile, il nuovo proprietario dovrà effettuare diversi adempimenti prima di poterci andare ad abitare. Tra le incombenze più frequenti vi è quella della voltura o del subentro dei contratti di luce e gas. A tali tipi di azioni si è ora aggiunta anche la possibilità di cambiare il gestore ( sia per quanto riguarda il gas che l’energia elettrica) anche se non si è nuovi inquilini o nuovi proprietari.

Voltura: cosa significa e come richiederla – Nel caso in cui gli inquilini precedenti non abbiano interrotto la fornitura di energia o gas, occorrerà effettuare la voltura dei contratti ( non vi è quindi interruzione del servizio). Per richiedere la voltura occorrerà inoltrare relativa richiesta al proprio fornitore, che a sua volta solleciterà il distributore a inviare la documentazione necessaria.

Subentro cosa significa e come richiederlo – Il subentro deve essere richiesto qualora il precedente inquilino abbia sospeso il servizio ( e pertanto vi è stata la disattivazione del contatore). Anche in questo caso la domanda di subentro dovrà essere inoltrata al venditore che entro due giorni la girerà al distributore.

I costi e la documentazione da produrre – I costi per effettuare i due tipi di operazioni variano a seconda che l’utente sia in regime di libero mercato oppure in un regime di maggior tutela. I clienti che hanno un contratto di libero mercato dovranno pagare i seguenti importi:

un contributo fisso di 27,52 € per oneri amministrativi;
un addebito dei costi per la prestazione commerciale come indicato nei singoli contratti.
Inoltre il distributore potrà richiedere anche un deposito cauzionale ( o altra forma di garanzia) oltre al pagamento dell’imposta di bollo ( pari a € 14,62 )

Nel caso in cui il clienti abbia invece un contratto a condizioni regolate dall’Autorità i costi saranno i seguenti:
un contributo fisso di 27,52 € per oneri amministrativi;
un contributo fisso di 23 €;
l’imposta di bollo (14,62 €) sul nuovo contratto come previsto dalla normativa fiscale.
Il distributore potrà inoltre richiedere un deposito cauzionale o altra forma di garanzia.

Per la voltura e il subentro i documenti da produrre sono i seguenti:
Autocertificazione della residenza anagrafica, se la residenza coincide con l’abitazione da allacciare, che è possibile scrivere utilizzando questo modello autocertificazione di residenza presente sul sito Autocertificazioni.net.
Fotocopia del documento d’identità della persona a cui sarà intestato il contratto.
In caso di voltura la lettura dei contatori.
Le coordinate del conto corrente bancario postale per l’eventuale domiciliazione delle bollette.

Molto interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *